RISTORAMENTO

Camminiamo alzando gli occhi al cielo, perchè l'aiuto ci viene da Colui che ha fatto il cielo e la terra (SALMO 121).

Questo puntinablu nei testi, è un invito a riflettere

Le rovine del peccato

1 GRIDA con la gola, non trattenerti: alza la tua voce come una tromba, e dichiara al mio popolo i suoi misfatti, ed alla casa di Giacobbe i suoi peccati. 2 Ben mi cercano ogni giorno, e prendono piacere di sapere le mie vie, come di gente che si adoperi a giustizia, e non abbia lasciata la Legge dell'Iddio suo; mi domandano dei giudizi di giustizia, prendono piacere di accostarsi a Dio. 3 Poi dicono: Perchè abbiamo digiunato e tu non vi hai avuto riguardo? Perchè abbiamo afflitto le anime nostre, e tu non vi hai posta mente? Ecco nel giorno del vostro digiuno, voi trovate del diletto, e riscotete tutte le vostre rendite. 4 Ecco, voi digiunate a liti, ed a contese, e per percuotere empiamente col pugno; non digiunate più come fate oggi, se voi volete che la vostra voce sia esaudita da alto. 5 Il digiuno che io approvo, e il giorno che l'uomo deve affliggere l'anima sua è egli tale? nominerai tu questo digiuno, e giorno gradito al Signore, che l'uomo chini il capo come un giunco, e si corichi nel cilicio, e nella cenere? 6 Non è questo il digiuno che io approvo: che si sciolgano i legami di empietà, che si sleghino i fasci del giogo, e che si lascino andare franchi quelli che son fiaccati, e che voi rompiate ogni giogo? 7 E che tu rompi il tuo pane a chi ha fame, e che tu raccolga in casa i poveri erranti; che quando tu vedi qualcuno nudo, tu lo copri, e non ti nascondi dalla tua carne? 8 Allora la tua luce spunterà fuori come l'alba, e il tuo ristoro germoglierà immediatamente; e la tua giustizia andrà davanti a te, e la gloria del Signore sarà la tua retroguardia. 9 Allora tu invocherai, e il Signore ti risponderà, e dirà: Eccomi. Se tu togli del mezzo di te il giogo, l'alzare il dito, e il parlare iniquità; 10 ed apri l'anima tua a colui che ha fame, e sazi la persona afflitta; la tua luce si leverà nelle tenebre, e la tua oscurità sarà come il mezzodì. 11 Ed il Signore ti condurrà del continuo, e sazierà l'anima tua nell'arsure, ed empierà di midolla le tue ossa; e tu sarai come un orto adacquato, e come una fonte d'acqua, la cui acqua non fallisce. 12 E quelli che usciranno di te riedificheranno i luoghi già ab antico deserti; tu ridirizzerai i fondamenti di molte età addietro; e sarai chiamato: Ristoratore delle ruine, Racconciatore dei sentieri, da potere abitare. 13 Se tu ritrai il tuo piè, per non far le tue volontà nel sabato, nel mio giorno santo; e se tu chiami il sabato delizie, e quello ch'è santo al Signore onorevole; e se tu lo onori senza operare secondo le tue vie, senza ritrovare le tue volontà, e senza dir parola; 14 allora tu prenderai i tuoi diletti nel Signore, ed io ti farò cavalcare sopra gli alti luoghi della terra; e ti darò mangiare l'eredità di Giacobbe, tuo padre; perchè la bocca del Signore ha parlato.(Isaia 58).

Del vero digiuno

divisorio

(Isaia 58).

Il testo di Isaia 58 si trova nel box di sinistra per chi vuole leggerlo.

Lasciaci un tuo commento, ci spronerà a servirti ancora
Free Guestbooks by Bravenet.com
Il contenuto di questo sito è di proprietà dell'autore. Può essere usato liberamente citando la fonte.