RISTORAMENTO

Camminiamo alzando gli occhi al cielo, perchè l'aiuto ci viene da Colui che ha fatto il cielo e la terra (SALMO 121).

Questo puntinablu nei testi, è un invito a riflettere

Testimonianze


Una via nel mare

divisorio

Salmo 139

Ecco, mi ritrovo sulla riva del mare, dopo aver peregrinato sulla terra inospitale; i miei piedi poggiavano su una terra che non mi appartiene, sulla quale mi sento straniero.
I miei occhi guardavano lontano, cercando di vedere qualche cosa, qualcuno che mi fosse familiare, amico, qualcuno che potesse dirmi quale è lo scopo della mia esistenza.
Fu allora che udii una voce fra il rumoreggiare delle onde, una voce che mi disse "Vieni".
In un primo tempo non feci molta attenzione alla voce, perchè lo spettacolo che il mare offriva, mi appariva grande e maestoso e di fronte ad esso mi sentivo inerme, impotente; ma la voce si fece più forte e disse ancora "Vieni"!
Ancora nulla poteva distrarmi da quello spettacolo, ma il vento si calmò, le onde si acquetarano e la voce si fece sentire ancora una volta e disse "Vieni!!".
Allora, facendo mente locale, ritornando indietro nel tempo, mi accorsi che il suono della voce era lo stesso, e la mia vita fu percorsa da un profondo fremito.
Mi accorsi finalmente che da tempo il Signore cercava di parlare al mio cuore attratto e distratto dallo spettacolo della vita, tanto da non distinguere quella voce da cui procede la vita.
Allora io risposi dicendo: "Come Signore"? Come potrò camminare sopra le onde del mare? Dove potrò trovare un posto per poggiare il mio piede? La voce allora si fece più personale, più diretta e mi disse: "Non ti ho io detto che se tu credi tu vedrai la gloria di Dio"?
Allora io dissi: "Se sei tu Signore che me lo ordini, allora io camminerò, io verrò a Te". E fu così che cominciai a muovere i miei primi passi sul mare tempestoso della vita, un po fidando nel Signore, un poco guardando le onde del mare.
Ti ringrazio Signore, per avermi fatto udire la tua voce; ora a te affido la mia esistenza, cosciente che da solo non saprei come fare, non saprei dove mettere i piedi; solo tu, oh Signore, che mi hai preso per la mano destra, mi condurrai per il tuo consiglio e poi mi riceverai in gloria.
Tu, Creatore del cielo e della terra; Tu che mi hai donato la vita; Tu, che di giorno e di notte fai sentire la tua voce, fammi udire il suono delle tue parole, quel suono che l'orecchio di Elia udì e poi costrinse ad uscire fuori dalla spelonca dove si era rifugiato; quel suono che le ossa secche di Ezechiele hanno vivificato.
Tu che hai alitato sulla terra e l'uomo è divenuto anima vivente, fammi udire gioia ed allegrezza, perchè colui che Ti ascolta, per certo vivrà.
Ricorda, Iddio ti ha sempre amato.

Benedetto sia il tuo nome per sempre.

Lasciaci un tuo commento, ci spronerà a servirti ancora
Free Guestbooks by Bravenet.com
Il contenuto di questo sito è di proprietà dell'autore. Può essere usato liberamente citando la fonte.