RISTORAMENTO

Camminiamo alzando gli occhi al cielo, perchè l'aiuto ci viene da Colui che ha fatto il cielo e la terra (SALMO 121).

Questo puntinablu nei testi, è un invito a riflettere

Testimonianze


Una conversione sofferta

divisorio

Anonima

Testimoniare come il Signore ci chiama, non è mai una cosa semplice né qualcosa da poter fare in pochi minuti. Chiedo quindi scusa in anticipo se quanto scriverò non sarà scritto bene e con errori ortografici, visto che sto scrivendo di getto quello che provo nel cuore quando penso a come Lui mi sia sempre rimasto accanto.

La prima domanda che mi sono posta quando ho accettato pienamente il Signore è stata: quando ha avuto inizio tutto questo? Quando ho iniziato a sentire la Sua voce nelle mie giornate, quando ho iniziato ad ascoltarlo tra le mille difficoltà che si presentavano giorno dopo giorno? La risposta è "DA SEMPRE," da quando ho iniziato a vivere nel grembo di mia madre.

Tu sei stato il mio sostegno fin dal grembo materno, tu m'hai tratto dal grembo di mia madre; a te va sempre la mia lode (Salmi 71:6).

Il Signore come un Padre amorevole, ci rimane accanto fin dal nostro primo giorno di vita, fin da quando fummo generati dai nostri genitori umani e ogni volta che non abbiamo sentito la Sua presenza nella nostra vita, ogni volta che ci siamo sentiti abbandonati, in verità siamo stati noi ad allontanarci, ad essere sordi ai suoi richiami, orgogliosi del fatto che potevamo camminare con le nostre gambe. Prova a leggere anche questo

Come tanti altri quindi sono cresciuta preferendo le idee degli amici, della società, della famiglia non credente, convincendomi della non esistenza di una qualsiasi forma di divinità, vantandomi del fatto che l'uomo attraverso la scienza e le proprie capacità avesse dimostrato ampiamente la stoltezza di coloro che continuavano a definirsi credenti.

Naturalmente ignoravo che nel mondo scientifico ci sono ricercatori che da sempre riescono a far conciliare ricerca e Fede, che nessuna scoperta in qualunque campo avesse mai screditato la Bibbia (almeno chi porta avanti gli studi con un cuore libero da pregiudizi)...no, non sapevo neppure in cosa consistesse quel libro tanto nominato, perchè era molto più facile fermarsi al sentito dire, senza contare che la mia passione per la natura, il fantasy, i celti e il druidismo, mi stava portando verso un sentiero oggi di moda e molto seguito...il neo-paganesimo.

Adesso alla luce dei fatti, credo che sia stato il senso di vuoto che l'uomo prova quando si allontana da Dio ad avermi fatto imboccare quel sentiero, perché da sempre l'essere umano sente di dover onorare, celebrare qualcosa, e se l'orgoglio lo rende sordo alla voce del Signore, allora rivolge la propria attenzione verso qualche altra cosa: altri sentieri, religioni oppure si dirige verso gli sport, la politica, la scienza...alla fine DEVE aver fede in qualche cosa, e io misi la mia fede in pseudo religioni delle quali non si hanno neppure fonti storiche attendibilissime.

Iniziai così a studiare il druidismo, la religione celtica, la Wicca, l'esoterismo in generale, spendendo tanti soldi in libri scritti da chi ha capito di poter sfruttare il momento giusto per fare qualche soldo, in oggetti, statue, candele e incensi da prezzi sproporzionati...e nonostante mi rendessi conto di quanti soldi stessi sprecando, alla fine mi ritrovavo in libreria a cercarne di nuovi, per poter imparare a leggere rune e carte.

Servirono i loro idoli, che divennero un laccio per essi (Salmi 106:36).
Questo versetto del Salmo 106 contiene una verità disarmante, ma ne resi conto molto più tardi visto che quando qualcuno dei miei amici cristiani mi diceva che stavo facendo del male a me stessa, che questo mi avrebbe causato dei problemi in futuro perché Satana non si lascia sfuggire le prede tanto facilmente, ridevo di gusto e dichiaravo che il medioevo per fortuna era passato da un pezzo e le streghe non venivano messe al rogo da un pezzo!
Se passerà da queste parti qualcuno che mi conosceva 2, 3 anni fa, riconoscerà in queste parole la persona che ero allora.

Eppure tutto quello che i miei amici in passato mi dissero, si é verificato.
Alla morte di mia nonna due anni fa, persi letteralmente la bussola. Certo, ero convinta che ad ogni morte corrispondesse una rinascita, che ogni essere vivente vivesse molteplici vite fino a raggiungere la perfezione, pregavo gli dei (la dea madre e il dio cornuto) accendendo loro incensi, candele che guidassero mia nonna verso la sua nuova esistenza, ma qualcosa non andava.
Non riuscivo ad essere tranquilla, a trovare pace e le preghiere e i piccoli riti che facevo accentuavano questo malessere perchè qualcosa dentro di me mi stava dicendo che tutto quello in cui VOLEVO credere, erano solo favolette.

Di li a poco infatti, iniziò un periodo per me veramente nero, nel quale iniziai ad avere problemi di insonnia, a sentirmi svogliata e perennemente insoddisfatta, smettere di uscire con gli amici perdendoli di vista, a litigare in famiglia, a piangere di notte, smettendo di studiare lasciandomi alle spalle l'Universtà in barba ai soldi che i miei spendevano...fino a quando un pomeriggio entrando in una libreria sempre in cerca dei soliti libri, mi capitò di intravvedere un piccolo volumetto che conteneva i 4 Vangeli e gli Atti ad un prezzo irrisorio, e qualcosa mi spinse a prenderlo perché in fondo 2 euro non erano niente e non avevo nulla da perdere.
Nei mesi che seguirono non mi sfiorò neppure l'idea di mettermi a leggere quel piccolo volumetto, fin tanto che un giorno mi ritrovai ad girarlo nelle mani, indecisa se buttarlo o aprirlo...; decisi di leggerlo tanto lo avrei potuto buttare via in un secondo momento.

Egli dunque si alzò e tornò da suo padre; ma mentre egli era ancora lontano, suo padre lo vide e ne ebbe compassione: corse, gli si gettò al collo, lo baciò e ribaciò. E il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio". Ma il padre disse ai suoi servi: "Presto, portate qui la veste più bella, e rivestitelo, mettetegli un anello al dito e dei calzari ai piedi; portate fuori il vitello ingrassato, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita; era perduto, ed è stato ritrovato". E si misero a fare gran festa (Luca 15).

Non avrei mai immaginato che quel giorno avrei dato una svolta alla mia vita e sopratutto non avrei mai immaginato che avrei ritrovato piano piano il calore e l'amore di un Padre che in tutti questi anni mi aveva aspettata con pazienza, sicuro di un mio ritorno tra le Sue braccia.
Iniziai ad aver bisogno di leggere anche solo qualche versetto al giorno, iniziai a portarlo nella borsetta, all'Università e in treno, non senza vergogna e timore di cosa gli altri avrebbero pensato nel vedere una giovane donna di 27 anni con un vangelo nelle mani...e quando mi sentivo triste e abbattuta, trovavo sempre delle parole pronte a ridarmi serenità e sicurezza in me stessa.

Senza rendermene conto iniziai a navigare in siti cristiani in cerca di informazioni sulla storicità di Gesù sentendo il bisogno di comprare una buona Bibbia per poterla studiare, naturalmente dal punto di vista teologico, storico, filosofico e non religioso.

Fu cosi che iniziai a frequentare forum cristiani (di nascosto a chi mi conosceva in forum pagani) per poter chiedere senza paura tutto quello che non sapevo e avevo necessità di capire, arrivando a capire che il cattolicesimo non era l'unica realtà e che nelle sue leggi da me tanto odiate in passato, c'era poco di biblico e che invece erano frutto di infiltrazioni pagane e capricci umani, da me facilmente riconoscibili grazie anche a tutto quello che avevo letto in passato sulle antiche religioni precristiane.
Allo stesso tempo iniziai a non trovarmi bene nell'ambiente in cui avevo bazzicato da tempo, iniziai a trovare ridicole certe idee e certi comportamenti di molti sedicenti figli degli dei, a vedere in quegli atteggiamenti solo voglia di trasgressione e gloria patinati da un finto buonismo e interesse per la natura..., e sempre di più mi rendevo conto di credere in quel Gesù che mi aveva aiutato in tutti quei mesi, perchè era Lui che cercavo, era Lui che invocavo quando avevo dei problemi o sentivo solo il bisogno del Suo Amore.

Ma Satana al quale non avevo mai creduto, nonostante in tanti anni di devozione a idoli e divinità di ogni tipo, e non mi fossi dimostrata una sua fedele seguace, iniziò a tirarmi di nuovo verso di se perché come mi era stato detto, non poteva permettersi di perdere cosi su due piedi un suo soldato, e per due lunghissimi anni (fino a pochi mesi fa) ha fatto si che mi comportassi come una mezza malata di mente, facendomi passare varie volte da mesi in cui leggevo la Bibbia e pregavo il Signore assiduamente, a mesi in cui volevo buttare la Sacra Scrittura e cercavo di ricontattare persone nell'ambiente pagano che ormai mi consideravano un pericolo e una fuori di testa.
Anche quando pregavo il Signore, non riuscivo ad accettare tutto quello che comportava amare Dio, non volevo perdere tutto quello che avevo nella mia vita, non volevo essere additata come una bigotta e quindi mi nascondevo e mi vergognavo di portare la Bibbia con me, non volevo rinunciare a stupide feste di Halloween, a giochi di ruolo, a letture fantasy, a film come Harry Potter, perchè continuavo a considerare tutto ciò un passatempo innocuo e non riuscivo a capire come certa gente potesse ritenere pericoloso un film visto al cinema, (ancora una volta la ragione voleva avere la meglio su quello che avevo nel cuore) e sopratutto non volevo entrare a far parte di una chiesa, perchè quello avrebbe significato dire ai miei che credevo, che mi rimangiavo tutto quello in cui avevo creduto in passato...che vergogna!

Non so quante volte ho creato nuovi account nei forum, nuove email, perchè ogni volta che scappavo da un forum cristiano per tornare a quelli pagani, cancellavo le mie tracce convinta che non sarei più tornata a scrivere in quel posto...per poi fare altrettanto quando me ne tornavo a scrivere da dove ero scappata...ma non lo facevo con cognizione di causa, qualcosa mi spingeva a scappare dall'ambiente cristiano per tornare nel più semplice, rassicurante e accettato mondo pagano...

Tutto questo é andato avanti per 2 lunghissimi anni, arrivando quasi a credere di essere veramente malata, di avere qualche problema di mente, ma adesso so che non era così, perchè ho avuto modo di ascoltare testimonianze di persone che come me hanno avuto grosse difficoltà a lasciare il mondo di Satana (l'esoterismo in generale e il Satanismo, perchè comunque lo si voglia chiamare, qualunque regola "buona" venga mostrata, tutto ciò che porta lontano da Dio, avvicina a Satana), persone che appena si trovavano ad entrare in chiesa (inteso come la comunità locale, la chiesa locale che è lontanissima da essere la Chiesa in senso cattolico), vomitavano e stavano male al punto da dover uscire...; persone che come me hanno impiegato mesi e mesi per non trovarsi più sotto il dominio del principe delle menzogne, a tagliare quel laccio..., ma tutto questo lo si apprende solo quando si capisce cosa significa accettare Cristo e credere veramente a Lui...,visto dal di fuori con un velo davanti agli occhi, tutto assume un altro significato.

Ho voluto scrivere questa testimonianza perchè dopo tantissimo tempo ho finalmente trovato la forza e il coraggio di accettare Cristo nella mia vita anche davanti al mondo, ho iniziato a frequentare una chiesa pentecostale senza nasconderlo, ho lasciato casa mia e la mia regione, sganciandomi da tutte le amicizie e le conoscenze "pericolose" che avrebbero potuto in qualche modo tentarmi ancora, non mi vergogno più di leggere, pregare in pubblico, e sto pensando al mio matrimonio, perchè prima di battezzarmi davanti alla piccola comunità cristiana che mi ha accolta, voglio regolarizzare la mia posizione agli occhi del mondo, perché so che il signore conosce il mio cuore e sa che non ho mai considerato la persona che amo come un qualcosa di diverso da un marito.
E' meraviglioso constatare in prima persona come la Sua Parola sia VERITA', una verità che non ha bisogno di nessuna sapienza particolare per essere scoperta, perché basta aprire il proprio cuore a Colui che si é sacrificato per pulirci dai nostri peccati, e costatare nella vita di tutti i giorni e nelle reazioni di chi ci sta vicino come Lui piano piano ci cambia, come porta la nostra vecchia natura a morire per cedere il posto ad un nuovo nostro "IO", una sapienza che agli occhi del mondo risulterà qualcosa di incomprensibile.

Ma noi predichiamo Cristo crocifisso, che per i Giudei è scandalo, e per Greci pazzia; ma per quelli che sono chiamati, tanto Giudei quanto Greci, predichiamo Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio; poiché la pazzia di Dio è più saggia degli uomini e la debolezza di Dio è più forte degli uomini (1Corinzi1/22-25).

Gesù gli rispose: "In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio". Nicodemo gli disse: "Come può un uomo nascere quando è già vecchio? Può egli entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e nascere? Gesù rispose: "In verità, in verità ti dico che se uno non è nato d'acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne, è carne; e quello che è nato dallo Spirito, è spirito. Non ti meravigliare se ti ho detto: "Bisogna che nasciate di nuovo".
Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo Spirito"
(Giovanni 3).

Come ultima cosa voglio dire "GRAZIE" di cuore a tutti coloro che mi sono stati vicini in questi anni, ai moderatori dei vari forum che sono impazziti per causa mia, a chi mi ha amato tentando di capire quello che stavo passando rimanendo al mio fianco anche quando non mi stavo comportando bene, come a coloro che non hanno perso un solo istante per ferirmi e calunniarmi, perchè mi hanno fatto capire come é misera la vita dell'uomo quando rifiuta il Signore.

Benedetto sia il tuo nome per sempre.

Lasciaci un tuo commento, ci spronerà a servirti ancora
Free Guestbooks by Bravenet.com
Il contenuto di questo sito è di proprietà dell'autore. Può essere usato liberamente citando la fonte.