RISTORAMENTO

Camminiamo alzando gli occhi al cielo, perchè l'aiuto ci viene da Colui che ha fatto il cielo e la terra (SALMO 121).

Questo puntinablu nei testi, è un invito a riflettere

Le rovine del peccato

Geremia 50.1-8

La parola che l'Eterno pronunciò contro Babilonia e contro il paese dei Caldei per mezzo del profeta Geremia: 2 «Annunziatelo fra le nazioni, proclamatelo e innalzate una bandiera; proclamatelo e non nascondetelo. Dite: "Babilonia è presa, Bel (Baal) è coperto di vergogna, Merodak (il dio babilonese, capo di Babilonia) è infranto, le sue immagini sono coperte di vergogna, i suoi idoli sono infranti". 3 Poiché dal nord sale contro di lei una nazione che ridurrà il paese a un deserto e nessuno più abiterà in essa; uomini e bestie fuggiranno, se ne andranno. 4 In quei giorni e in quel tempo», dice l'Eterno, «i figli d'Israele e i figli di Giuda verranno insieme; cammineranno piangendo e cercheranno l'Eterno, il loro DIO. 5 Domanderanno della via di Sion, verso cui volgeranno le loro facce, dicendo: "Venite, uniamoci all'Eterno, con un patto eterno, che non sia più dimenticato". 6 Il mio popolo è stato un gregge di pecore smarrite; i loro pastori le avevano sviate, le avevano fatte smarrire sui monti. Sono andate di monte in colle e hanno dimenticato il luogo del loro riposo. 7 Tutti quelli che le trovavano, le divoravano, e i loro nemici dicevano: "Non siamo colpevoli, perché hanno peccato contro l'Eterno, dimora della giustizia, l'Eterno, speranza dei loro padri". 8 Fuggite di mezzo a Babilonia, uscite dal paese dei Caldei e siate come capri davanti al gregge.

Genesi 11

OR tutta la terra era d'una favella e di un linguaggio. 2 Ed avvenne che, partendosi gli uomini di Oriente, trovarono una pianura nel paese di Sinear, e quivi si posarono. 3 E dissero l'uno all'altro: Or su, facciamo dei mattoni, e cuociamoli col fuoco. I mattoni adunque furono loro in vece di pietre, e il bitume in vece di malta. 4 Poi dissero: Or su, edifichiamoci una città, ed una torre, la cui sommità giunga fino al cielo, ed acquistiamoci fama; che talora noi non siamo dispersi sopra la faccia di tutta la terra. 5 E il Signore discese, per veder la città e la torre che i figliuoli degli uomini edificavano. 6 E il Signore disse: Ecco un medesimo popolo, ed essi tutti hanno un medesimo linguaggio, e questo è il cominciamento del lor lavoro, ed ora tutto ciò che hanno disegnato di fare, non sarà loro divietato. 7 Or su, scendiamo e confondiamo ivi la lor favella; acciocchè l'uno non intenda la favella dell'altro. 8 E il Signore li disperse di là sopra la faccia di tutta la terra; ed essi cessarono di edificar la città. 9 Perciò essa fu nominata Babilonia; perciocchè il Signore confuse quivi la favella di tutta la terra, e disperse coloro di là sopra la faccia di tutta la terra.


Ritornate dai paesi.....

divisorio

Ger. 23.7-8

E' necessario affermare la verità, perchè solo in essa viviamo e prosperiamo. Le testimonianze di molti si aggirano in un circolo, limitandosi all'esodo dall'egitto, ignorando altri esilii e altri paesi.

Per questo motivo le parole non hanno forza per convincere, in quanto non coincidono con la necessità presente. Sono pochi quelli che odono con timorata attenzione gli ammaestramenti sui raggiri dell'anima e dello spirito. Pochi vogliono ammettere che "pecora smarrita", "moneta perduta", "figliuolo prodigo", "peccatore ravveduto", "alcuno sviato e ricondotto", sono messaggi per la chiesa, e non per quelli di fuori. Perciò, mentre affermiamo che siamo usciti dall'egitto (se pur usciti), non vogliamo sentirci dire che ci sono altri paesi dai quali dobbiamo uscire dopo che si è usciti dall'Egitto.

Leggiamo in Geremia 23/7,8: "Perciò, ecco, i giorni vengono", dice il SIGNORE, "in cui non si dirà più: "Per la vita del SIGNORE che condusse i figli d'Israele fuori dal paese d'Egitto", ma: "Per la vita del SIGNORE che ha portato fuori e ha ricondotto la discendenza della casa d'Israele dal paese del settentrione, e da tutti i paesi nei quali io li avevo cacciati"; ed essi abiteranno nel loro paese".

Giorni contati uno dopo l'altro - non "il giorno", cioè tempo continuo; i giorni prima e dopo, "il giorno", cioè quando il tempo è concluso, in cui non staremo più a ricordare solo la liberazione dall'Egitto (se DAVVERO fuori dall'egitto, dallo spirito del mondo), ma altre, tante liberazioni, e il cantico dopo l'uscita dal Mar Rosso (per chi ha memoria è quel cantico che spesso si sente cantare nelle chiese "Questo mondo ho lasciato per sempre").

Dobbiamo riconoscere che proprio all'entrata nel deserto a Canaan, e in Canaan, siamo caduti in tante trappole nemiche, per cui siamo stati in lotta fra noi stessi e con i popoli che incontriamo per la via (popolo, popoli sono le singole persone). Dopo l'Egitto ci sono altri territori: Ammon, Moab, Edom, e i due più importanti, cioè Babilonia e Assiria.

Se abbiamo capito che i paesi sono simboli di condizioni ed esperienze spirituali, che tempi ed epoche figurano il nostro corso terreno, e moltitudini di popoli fanno pensare ai complessi dell'animo umano, se ciò abbiamo cominciato, almeno cominciato a realizzare, allora davvero possiamo capire ciò che siamo nel vecchio uomo, e come Iddio ci vuole formare attraverso gli incidenti di tempi e popoli antichi.

Applicando per quanto ci concerne Geremia 23/7-8, scopriamo che lo Spirito Santo vuole portarci a poter dire: "Ti ringraziamo o Signore", che tu ci hai tratto dall'Egitto, e quando noi presumevamo di essere migliori degli altri, e dopo che siamo caduti in molte rovine di confusione (Babilonia), e superbia e arroganza (Assiria), ed altri guai (vari paesi), Tu ci hai trovati e raccolti dai nostri esilii, e finalmente ci hai stabiliti nel nostro paese, ciascuno in quella porzione che Tu gli hai destinata. Questo si può dire solo dopo che abbiamo compreso che cosa significano "i paesi del Settentrione".

Ci domandiamo perchè noi cristiani non siamo in pace fra noi (le eccezioni sono sacre), e perchè su quei di fuori non esercitiamo l'influenza che dovremmo, giacchè essi non vedono in noi unità e carità. Se valutiamo che copriamo i nostri modi di procedere scusandoci con gli altri, ciò è perchè non abbiamo voluto capire, piegare il collo ed ammettere che quantunque perdonati e giustificati, siamo convertiti solo in parte. (cfr. Luca 22/31-33, confermati stabiliti e fondati 1 Pietro 5/ 10,) e ci aggiriamo nel conflitto fra l'anima e lo spirito,Prima fra quattro meditazioni non avendo ancora unità ciascuno in se, per essere dominati da una forza sola, cioè da Gesù Sovrano, avendo definitivamente accettato il Regno di Dio, essendo stati consumate le nostre iniquità dal fuoco divorante. Ebrei 12/27-29

"Bando dunque fratello mio, ad illusioni e teorie fabbricate dagli uomini. Realtà!, Realtà!" Il Cielo, il Riposo, il vedere la Nuova Gerusalemme, l'essere cittadini di lassù, deve cominciare ora, altrimenti non sarà mai.

Non ci sono eccezioni a questi esilii. Se avessimo la storia di tutti i santi, o almeno quella intera di uno solo, ci convinceremmo che essi vollero essere illuminati circa i vari territori, confusioni, superbie, raggiri, poetiche ambizioni, e che divennero penitenti e vissero in alto, conoscendo e odiando se stessi (Ebrei 11.13-16). Riconobbero che furono liberati non solo dall'Egitto, ma anche da altri paesi nei quali erano andati ed erano stati sbattuti dopo l'esodo, e che ebbero bisogno di altri esodi, di altre liberazioni.

Intendiamoci, il "Tutto è compiuto è sacro", ma il compiuto da Lui deve andarsi compiendo in noi, giorno dopo giorno, e attraverso noi, perchè se non ci arrendiamo al fuoco divorante che vuole bruciare ciò che è infiammabile (Malachia 3.3), dimostriamo di essere illusi e che mai abbiamo davvero accettato Gesù Cristo. Perchè se abbiamo accettato il Salvatore, Egli non si ferma di operare e di trasformarci, scuotendo il cielo e la terra dentro di noi, fino a che lo riconosciamo Re.

Le parole "Ritorna - ritorna - ritornate", sono illuminatrici. Isaia 30/15 è cenno di salvezza dopo salvezza ad un popolo che già era eletto. Nel Cantico dei Cantici, questo invito viene fatto alla creatura più devota che possiamo immaginarci: "Ritorna o Sullamita"

Ci sono dunque più esodi, e ad ogni "fuori," corrisponde un "dentro", fino a che saremo definitivamente "dentro". (nda)Fuori indica libertà dai legami precedenti, affrancamento da ogni servitù, proprio come indicato da Gesù in Giovanni 8/31-36.

Dopo essere stati sbattuti, sventolati e scossi veniamo portati ciscuno al suo paese e a casa sua, e staremo in riposo, sotto il fico, simbolo di dolcezza vera, e vicino alla Vite, ai tralci della vite.

Lo spirito di riposo sarà in, su noi, dopo che saremo stati lavorati dallo Spirito Santo in sapienza e intendimento, in consiglio e fortezza, in conoscenza con timore di Dio.Isaia 11/2

Le cose scritte di Gesù si stendono al suo popolo. Ciò non è presunzione, se noi diveniamo di Cristo, come Cristo è di Dio. 1 Corinti 3/22-23 Dall'altura del monte dove Lui ci avrà menati, volgeremo lo sguardo, e scopriremo i tanti paesi da cui ci ha raccolti e liberati, e cominceremo a capire davvero il Salvatore e Redentore. Amen

Lasciaci un tuo commento, ci spronerà a servirti ancora
Free Guestbooks by Bravenet.com
Il contenuto di questo sito è di proprietà dell'autore. Può essere usato liberamente citando la fonte.